AL VIA IL PROCESSO CONTRO LO STALKER DI LARA COMI: “LA BATTAGLIA VA AVANTI. PER LE DONNE CHE DEVONO SENTIRSI LIBERE”

AL VIA IL PROCESSO CONTRO LO STALKER DI LARA COMI: “LA BATTAGLIA VA AVANTI. PER LE DONNE CHE DEVONO SENTIRSI LIBERE”

Nuova udienza questa mattina al Tribunale di Busto Arsizio per il processo a carico di Giovanni Bernardini, lo “stalker” dell’europarlamentare di Forza Italia Lara Comi.
Di fronte al Giudice della sezione penale Valeria Recaneschi, Lara Comi ha testimoniato in aula, ricostruendo la vicenda, che “va avanti ormai da un anno e mezzo” (dal gennaio 2017) e ripercorrendo una ad una le 23 querele sporte contro l’imputato, che, attualmente detenuto agli arresti domiciliari, era presente in aula al fianco del suo legale.
Lara Comi ha riferito di aver dovuto rinunciare al telefono di lavoro, smettere di annunciare le sue apparizioni pubbliche agli elettori. “Vivo nella preoccupazione e nell’ ansia che tutto questo possa continuare- andrò avanti fino alla fine in questa battaglia, che non è per me , ma per tutte le donne che subiscono analoghe situazioni spesso nel silenzio e senza avere la forza di denunciare. Sono fenomeni che meritano maggiore attenzione e severità da parte delle istituzioni”.



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi