PER I GIOVANI L’ITALIA DEVE SPENDERE I FONDI DISPONIBILI

PER I GIOVANI L’ITALIA DEVE SPENDERE I FONDI DISPONIBILI

Per i giovani l’Europa può fare di più e in Italia c’è bisogno di spendere i fondi Ue. Certo, le iniziative non mancano, però sono sempre troppi i ragazzi che non le conoscono e che ignorano, ad esempio, la funzione del Parlamento europeo. Il programma più conosciuto è senza dubbio Erasmus Plus, ma ci sono una serie di iniziative che sono ancora sconosciute.

C’è ‘Erasmus per giovani imprenditori’, un programma di scambio transfrontaliero che offre ai nuovi imprenditori, o aspiranti tali, l’opportunità di imparare i segreti del mestiere da professionisti già affermati che gestiscono piccole o medie imprese in un altro paese partecipante al programma. Possono partecipare al programma i giovani dal 17 ai 30 anni di età. Il soggiorno è cofinanziato dalla Commissione europea.

Pensiamo poi al ‘Fondo garanzia giovani’: molti ne hanno solo sentito parlare, in pratica nella sostanza non se ne conosce il contenuto e soprattutto gli obiettivi. Si tratta di programmi, iniziative, servizi informativi, percorsi personalizzati e incentivi per l’orientamento e l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro. L’obiettivo è quello di portare i ragazzi a fare europrogettazione. E trovare in Italia ragazzi qualificati non è affatto un problema. Tuttavia, il nostro Paese in questo non è bravo’ ad utilizzare i fondi. Nella classifica europea di utilizzi siamo penultimi e primi solo della Grecia.



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi