I nostri eroi, gli agenti della polizia, hanno permesso all'Italia di scampare a un pericolo enorme, bloccando e poi uccidendo l'autore della strage di Berlino a Sesto San Giovanni, alle porte di Milano. Il nostro sistema di sicurezza si e' rivelato adeguato anche se l'Europa non può esimersi dall'interrogarsi sulla facilità con cui Anis Amri si e' spostato dalla Germania alla Francia e poi in Italia. Il nostro Paese e' orgoglioso del lavoro delle nostre forze dell'ordine, che ogni giorno rischiano la propria vita per garantire la nostra sicurezza


Sottoscrivo, parola per parola, la riflessione del nostro presidente Silvio Berlusconi sulla vicenda Mediaset-Vivendi. Quella dei francesi e' stata un'azione di forza tutta all'insegna della scorrettezza.

ll terrore piombato a Berlino deve spingere l'Europa a compiere finalmente un passo imprescindibile, quello cioè di costituire un'unione vera e autentica relativa alla difesa comune. Occorre farlo subito perché l'episodio del tir a Berlino dimostra come sia essenziale mettere in campo un sistema di difesa integrato, che deve poggiare le proprie basi su un'interlocuzione più stringente ed efficace tra gli Stati membri. Il terrorismo non fa sconti. Per l'Europa non c'e' piu' tempo da perdere

Con l'indicazione per il PPE di Antonio Tajani alla Presidenza dell'Europarlamento cresce l'Italia che crede nel merito e nella competenza e che è capace di raggiungere risultati importanti nell'interesse del Paese e non perseguendo le solite liturgie da Palazzo.

Seguimi su facebook

Seguimi su Twitter