I dati Istat di oggi ci consegnano un mercato del lavoro italiano dove i giovani sono i soggetti piu' penalizzati: un tasso di disoccupazione al 40% e' indice dell'incapacita' di mettere in campo misure, a livello nazionale, che siano in grado di rovesciare una prospettiva fortemente penalizzante per l'intera Italia. Non possiamo arrenderci, non possiamo non comprendere fino in fondo che il lavoro ai giovani deve costituire una priorita' per le istituzioni. Al di la' dell'evolversi della situazione politica e' necessario che l'attuale governo e quello che verra' assumano questa consapevolezza come imprescindibile. 

Rivolgo il mio pensiero al popolo canadese, alle persone uccise e ferite e ai loro famigliari in questo giorno terribile per il Canada. La follia terroristica deve essere fermata perche' alla violenza non si risponde con altra violenza. Questo gesto e' stato perpetrato da una mano folle e deve essere condannato con tutta la forza e determinazione possibile.

Stop all'uso e alla circolazione di armi automatiche pericolose o non adeguatamente disattivate sul suolo europeo: è questo il principale risultato contenuto nel provvedimento oggi votato alla Commissione  per il Mercato interno del Parlamento Europeo che andrà a modificare la Direttiva sull'uso delle Armi dell'Unione Europea. Un risultato importante e significativo per tutti gli europei in termini di sicurezza, tenuto conto dell'attuale contesto internazionale e visti i continui allarmi terroristici cui purtroppo siamo ormai sottoposti. 

Saranno alcuni studenti di Milano provenienti dalla "Scuola Primaria Alessandro Da Fano", "Scuola Media Mario Falco" e "Liceo Federico Jarach" della Comunità Ebraica di Milano i premiati in occasione dell'apertura della mostra "Il Segno della Memoria" che verrà inaugurata domani, martedì 24 gennaio 2017 alle 18 presso il Parlamento Europeo di Bruxelles. La mostra, patrocinata da Lara Comi, eurodeputato al Parlamento Europeo di Forza Italia e Vice Presidente del gruppo del Partito Popolare Europeo, è curata da Ermanno Tedeschi e raccoglie le opere di numerosi artisti italiani che, con la loro arte, attraverso un percorso espositivo che si snoda come un grande racconto, hanno voluto fare memoria di quell'immane violenza. E proprio in occasione di questo evento, la Fondazione della Scuola della Comunità Ebraica di Milano ha voluto lanciare un concorso artistico tra i ragazzi delle scuole milanesi; i vincitori potranno così vedere le loro opere esposte proprio nella prestigiosa sede del Parlamento. "E' un dovere dell'Europa fare memoria della Shoah, soprattutto per continuare a sensibilizzare le giovani generazioni affinchè il tempo che passa non cancelli il ricordo di quanto accaduto. Mi rallegro pertanto- sottolinea Lara Comi- dell'evento che si aprirà domani al Parlamento Europeo. La capacità di alimentare una vivida testimonianza della Shoah è e sarà sempre più necessario per promuovere e difendere la libertà e del rispetto verso tutti. Una battaglia che certamente determinerà anche il futuro di quell'Europa, aperta e tollerante, che stiamo contribuendo a costruire, insieme"

L'intervento più urgente da mettere in campo per migliorare il sistema formativo consiste nel riuscire a colmare il gap presente tra la scuola e il mondo del lavoro: per ricevere una formazione completa è fondamentale creare percorsi che alternino lo studio sui banchi di scuola all'esperienza diretta nelle aziende. In Germania questo modello è ormai una realtà consolidata mentre in Italia ci sono ancora alcune resistenze. 

Seguimi su facebook

Seguimi su Twitter